Ho deciso di mostrare alcuni casi clinici che ho affrontato per condividere la mia pratica clinica quotidiana.

 

ENDODONZIA

Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico ambulatoriale che si rende necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente, o da un trauma (grave e improvviso o più leggero ma ripetuto) che ha provocato frattura o scheggiatura o incrinatura profonda.


(Fonte American Association of Endodontist, AAE)

 

TERAPIA ENDODONTICA

Secondo molare inferiore (dente 37)

Caso di pulpite irreversibile a livello del secondo molare inferiore. La terapia endodontica permette di mettere in evidenza un'anatomia endodontica complessa. Il restauro è stato poi ultimato dal collega che mi ha inviato il caso.

CLICCA LE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Iniziale 37

Iniziale 37

isolamento con diga di gomma

Radiografia 37

Radiografia 37

preoperatoria 37

Pulpolita

Pulpolita

Residuo di polpa calcificata

Fase intraoperatoria

Fase intraoperatoria

Post sagomatura e detersione, prima della chiusura

Prova cono

Prova cono

Controllo della lunghezza di lavoro

Otturazione canalare

Otturazione canalare

Chiusura dello spazio endodontico con guttaperca e cemento ZOE

Radiografia finale

Radiografia finale

Radiografia postoperatoria in cui si nota un'anatomia complessa in seguito all'otturazione canalare

 

TERAPIA ENDODONTICA

Primo molare superiore (dente 26)

Il dente in questione è un elemento di una riabilitazione complessa in paziente di 75 anni. È stata rifiutata ogni terapia chirurgica, quindi si è cercato di conservare ogni elemento dentale residuo e stabile. È stata pertanto compiuta una terapia canalare a livello del primo molare superiore.

 

CLICCA LE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Iniziale

Iniziale

Visione occlusale del moncone

Radiografia Iniziale 26

Radiografia Iniziale 26

Apertura camera

Apertura camera

individuazione imbocchi 26

Pulpolita

Pulpolita

dimensione 4 mm

Prova cono

Prova cono

Prova lunghezza di lavoro

Otturazione canalare

Otturazione canalare

Radiografia finale

Radiografia finale

Post-operatoria

 

CHIUSURA APICALE CON MTA

Incisivo centrale superiore (dente 21)

La paziente si reca alla mia attenzione per un controllo generale riferendo di aver effettuato un trattamento ortodontico in passato. 

 

Si nota la discromia dell'elemento 21. La paziente riferisce di aver subito un evento traumatico in adolescenza. Il dente è asintomatico.

 

Dopo l'esecuzione di una radiografia si evidenzia che l'apice del dente risulta molto riassorbito e con un diametro apicale decisamente importante.

 

Si decide di otturare lo spazio endodontico con un cemento idraulico (MTA).

CLICCA LE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Situazione clinica iniziale

Situazione clinica iniziale

La paziente si presenta con la discromia all'elemento 21 in seguito ad evento traumatico avvenuto in adolescenza

Radiografia Iniziale 21

Radiografia Iniziale 21

Si nota lesione radiotrasparente a carico di 21

Lunghezza di lavoro

Lunghezza di lavoro

Prova cono per determinare diametro e lunghezza di lavoro

Apical Plug MTA

Apical Plug MTA

Creazione di uno stop apicale con materiale MTA a causa dell'elevata dimensione del diametro apicale (>150)

Radiografia

Radiografia

Controllo a 1 mese

Radiografia 2 mesi

Radiografia 2 mesi

controllo a 2 mesi

Radiografia 6 mesi

Radiografia 6 mesi

Controllo a 6 mesi

Radiografia 10 mesi

Radiografia 10 mesi

Controllo 10 mesi

Radiografia 27 mesi

Radiografia 27 mesi

Controllo 27 mesi

Radiografia 43 mesi

Radiografia 43 mesi

Controllo 43 mesi

Particolare pre-sbiancamento

Particolare pre-sbiancamento

si decide di procedere allo sbiancamento dell'elemento 21

Apertura camera

Apertura camera

Particolare post-terapia endodontica

Applicazione fondino cavitario

Applicazione fondino cavitario

Applicazione fondino in CVI prima dello sbiancamento endodontico

Walking Bleaching

Walking Bleaching

Sbiancamento endodontico

Situazione post sbiancamento

Situazione post sbiancamento

Post sbiancamento dopo rimozione della diga di gomma

Controllo dopo 1 mese

Controllo dopo 1 mese

Ricostruzione finale

Ricostruzione finale

Chiusura dopo 3 settimane dalla rimozione della sostanza sbiancante

Controllo a 12 mesi

Controllo a 12 mesi

Controllo a 15 mesi

Controllo a 15 mesi

Controllo a 26 mesi

Controllo a 26 mesi

 

TERAPIA CANALARE

Primo molare superiore (dente 26)

Il paziente si presenta con dolore alla masticazione a livello del primo molare superiore. Dalla radiografia iniziale si nota una lesione periapicale a livello della radice mesiale del dente stesso. Al paziente si propone terapia canalare del dente e riabilitazione di tipo intarsio in composito. Il trattamento è stato eseguito in più fasi dato che il paziente lavora all'estero.

CLICCA LE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Iniziale

Iniziale

Situazione clinica Iniziale

Radiografia

Radiografia

Situazione radiografica iniziale

Isolamento

Isolamento

Applicazione diga di gomma

Particolare al microscopio

Particolare al microscopio

Sagomatura canale MB1 e MB2

Particolare al microscopio

Particolare al microscopio

Sagomatura canale palatino

Particolare al microscopio

Particolare al microscopio

Sagomatura canale distale

Radiografia Intraoperatoria

Radiografia Intraoperatoria

Prova lunghezza di lavoro

Post-terapia endodontica

Post-terapia endodontica

Otturazione canalare

Radiografia finale

Radiografia finale

Controllo post-operatorio

 

RIMOZIONE DI UNO STRUMENTO FRATTURATO

Terapia canalare primo molare inferiore (dente 36)

Il paziente mi è stato riferito da un collega per la rimozione dal terzo medio/terzo apicale di un frammento di strumento che si è separato durante la terapia endodontica.

Mediante il microscopio operatorio si è riusciti a individuare lo strumento e a rimuoverlo. È stato così possibile concludere la terapia canalare.

CLICCA LE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Iniziale

Iniziale

Paziente riferito per strumento fratturato a livello del terzo medio / terzo apicale.

Individuazione dello strumento

Individuazione dello strumento

Reperito la parte di strumento fratturato mediante microscopio operatorio

Frammento di strumento

Frammento di strumento

Lo strumento fratturato viene rimosso dal canale, permettendo ora il passaggio degli strumenti successivi

Radiografia di controllo

Radiografia di controllo

Si attesa la rimozione dello strumento anche in lastra

Pervietà

Pervietà

Ora che lo strumento p stato rimosso è possibile arrivare in apice con gli strumenti

Radiografia finale

Radiografia finale

Radiografia finale post-otturazione canalare

 

#neverstoplearning

Via Goffredo Mameli, 27 Lissone (MB) CAP 20842

Tel: +39 349 8463007

©2020 di Dr Andrea Candotti